Blog del sito MyDigitalia - Usare il Pc seriamente.
Non disdegnate di sbirciare anche la pagina di Facebook

domenica 1 agosto 2010

rendere una tabella "ordinabile" per colonna

Si tratta di una funzione utile se si hanno grosse tabelle: cliccando sulla prima riga, quella delle intestazioni, si ordina l'intera tabella per quella colonna (ad esempio per autore, o per titolo, o per editore, o data, nel caso di una tabella bibliografica).
Esistono molti javascript. Quello che preferiamo per semplicità è fornito da kryogenix.org: basta collegare il file js alla pagina e assegnare alla tabella che si vuole rendere ordinabile la classe "sortable".
Non saranno spostati i dati contenuti nella righe del thead e del tfoot, ma solo quelli interni a tbody. Funziona questa utile ad esempio nel caso di tabelle numeriche con totale nell'ultima riga (che andrebbe alora inclusa in tfoot)

mercoledì 30 giugno 2010

expand-collapse con css

Su Opera.developpers (dev.opera.com) si trova una soluzione interessante, o almeno curiosa: si comprime ed espande del contenuto senza ricorso a javascript, ma usando solo css.
Preferiamo chiamare curiosa piuttosto che interessante questa proposta per due motivi:
1) non è cross-browsers (IE e i webkit-based sono esclusi)
2) si parte da un testo (/contenuto) espanso, che solo poi si può comprimere (collapse), mentre dovrebbe essere il contrario: di default compresso, con possibilità di espandere.

giovedì 27 maggio 2010

expand-collapse: quante difficoltà

Non è facile trovare uno script (js) per una funzione pur semplice come expand/collapse.
O meglio, se ne trovano, ma non adattabili tanto facilmente alla scelta di visualizzare di default alcuni blocchi comprimibili (o uno solo), lasciando compressi e non visibili, se non dopo clic, gli altri.
Tale funzione è utile per un menu: con espanso solo il blocco di links che si riferisce alla sezione in cui ci si trova, e compressi i links alle singola pagine delle altre sezioni del sito.
Molti script naufragano sull'unico clic, ne vogliono due la prima volta e solo poi si accontentano di uno; viceversa altri sono scattanti da subito al primo clic, ma comprimono tutti i blocchi, compreso quello che dovrebbe restare espanso.
Finora non ho trovato uno script che abbia entrambi i pregi: bisogna scelgleiere l'uno, o l'altro.

mercoledì 5 maggio 2010

CMS: Docebo

E' un CMS ben fatto, ma per e-learning universitari, non per scuole superiori
sito: www.docebo.org

mercoledì 28 aprile 2010

KDE4 e Quanta+

Qualche vantaggio c'è, ma è più avido di risorse dei suoi predecessori (come del resto era prevedibile).
Il problema maggiore è l'editor HTML testuale: Quanta Plus è in assoluto il migliore e distanzia di molto i concorrenti, e Quanta Plus non è supportato da KDE4. Una situazione al momento drammatica.

Riferimenti:

lunedì 26 aprile 2010

icone generate automaticamente

Segnalo un interessante tip (da Opera-dev):

You can use attribute selectors with the content property to render icons after a link based on what file format it is or if it is an external one.

a[href $='.pdf']:after {   content:url(icon-pdf.png);}  

a[rel="external"]:after {  /* You can also use a[href ^="http"]:after */
   content:url(icon-external.png);}

the first rule uses a CSS3 selector with substring matching — href $='.pdf' means "href attributes with .pdf at the end of the value."

As with regular expressions, ^ and $ refer to the start and end of a string, respectively. With CSS 3 substring matching attribute selectors, [attribute^=value] and [attribute$=value] allow you to match elements whose attribute content starts or ends with the specified value, while [attribute*=value] selects elements where the value is found anywhere in the attribute.

lunedì 19 aprile 2010

PEC

Segnaliamo un interessante approfondimento: http://www.techblogs.it/office/2009/05/pec-gratis-tutta-la-verita.html

domenica 18 aprile 2010

inserire video in Blogger

Basta copiare e incollare il codice (di Youtube, ad esempio) nella modalità "modifica HTML" (non in quella "scrivi"): un esempio lo trovate dove parlo delle slideshow.

giovedì 15 aprile 2010

creare filmati con slideshow e musica

Lo si può fare con del software (in genere per windows) sul proprio PC o on-line. Abbiamo provato, in questo secondo senso, diversi siti, alcuni dei quali buoni, ma a pagamento, altri gratis, ma meno buoni. Ovvio dirà qualcuno. Invece non è sempre così: Linux e i programmi Open Source ci hanno insegnato che esiste della ottima qualità anche a costo zero. Solo che in quest'ambito non l'abbiamo ancora trovata.
  • Ad esempio Photopeach è a pagamento
  • Lo è anche Stupeflix, esso pure un buon prodotto
  • Lo è anche Photatobug, ma lui pure è a pagamento (ridicolo è quanto danno gratis)
  • Imageloop permette di creare interessanti slideshow gratis, ma non di scaricarli sul vostro PC;
  • Anche Creaza è un editor video e audio on-line che promette buone funzionalità... ma solo a pagamento.
  • Tanto per cambiare Rockyou è a pagamento, ed è pure complicato da usare.
  • Non è affatto male nemmeno Clipgenerator facile da usare, gratuito, ma non permette di scaricare il videoclip creato (che come sottofondo musicale non può avere un vostro file, ma solo uno dei loro).
  • Imagetovideo invece è davvero gratis, ma non funziona: il file mpg che viene lasciato scaricare non è leggibile :(
Un aiuto può venire da OpenOffice? In effetti OpenImpress può creare delle slides in formato flash(con estensione swf). Tuttavia aggiungere un sottofondo musicale si è rivelata (ver. 3.2. per Linux) una impresa disperata: non se parla proprio di aggiungere files musicali propri ("formato non supportato" è il monotono messaggio) e quando si aggiungono i suoi clip audio il risultato non è meno sconfortante (non si sente niente). Dunque: può andare, ma solo se non volete sottofondo audio.

giovedì 1 aprile 2010

Bluetooth su Linux

E' davvero semplice. Su PcLinuxOs, almeno (ma ormai credo su tutte le distro).
[Image]
Ho installato Bluetooth OBEX Client e trasferire files da e verso il cellulare è facilissimo.
Cliccate sull'immagine per ingrandirla.

Warning: couldn't find charset data for locale XXXX; using ISO 8859-1

Tale il problema: impossibile così loggarsi come un certo utente. Ma possibile loggarsi come altro utente.
Soluzione : se ci si può loggare come altro utente significa che il problema non è nei settaggi di sistema (ad esempio in usr/share/x11/locale); allora si può tentare di risolvere, come ho fatto io, oggi, semplicemente lavorando su session type nella schermata del login iniziale. Fate qualche prova e se siete fortunati dovreste rapidamente e senza danni risolvere il problema.

mercoledì 10 marzo 2010

tag immagine

Un uso perfetto di una immagine (inserita col tag <img />) dovrebbe comprendere
  • necessariamente l'attributo "alt" (con cui dare l'informazione essenziale di ciò di cui tratta quella immagine)
  • e preferibilmente quello "title" (con cui dilungarsi un po' di più, ad esempio commentando l'immagine, e/o rapportandola al contesto... testuale)
  • solo in casi eccezionali potrebbe essere il caso di aggiungere anche l'attributo "longdesc" con cui si rimanda a un file esterno, per una spiegazione molto dettagliata, ovvero con l'equivalente testuale dell'immagine
Questo, l'esistente. Sarebbe auspicabile che i browsers imparassero a creare automaticamente delle "longdesc" a partire dai metadata IPTC incapsulati nel file immagine. Ma questa per oggi è fantascienza...

domenica 28 febbraio 2010

espeak

Si tratta di un sintetizzatore vocale (text-to-speech) per Linux: semplice, leggero, utilizzabile da riga di comando, ma a portata se non di tutti, almeno di chi abbia un minimo di conoscenze del funzionamento di un progrmma da riga di comando.
Legge sia singole parole, sia files (di testo: non sperate di fargli leggere files html, perchè va a leggere lettera per lettera il codice sorgente). Ovviamente la voce è monotona e metallica, come nei migliori films di fantascienza, ma non è comunque da buttar via, se si pensa a quanto sia leggero in bytes il programma e di immediata istallazione, senza incidere sui files di sistema.

mercoledì 24 febbraio 2010

QuodLibet

perché è un programma utile


Si tratta di un player audio in Python: come player non è granché, Amarok è sicuramente meglio. Però Quodlibet è abbinato a Ex-Falso, un manipolatore di tags più potente di Amarok. Infatti Ex-Falso legge e e scrive i tags ID3v2, come Amarok non riesce a fare, e può scrivere e leggere anche tags opzionali. Come potete vedere nella schermata, ho aggiunto "tonalita", come non avrei potuto fare con Amarok.

[Image]


possibile problema


Il programma non parte e il messaggio di errore è: "The audio output pipeline 'gconfaudiosink profile = music' could not be created"

soluzione


Per farlo partire può allora essere necessario aggiungere al file config le seguenti righe:
  • "alsasink device = hw:1" nella sezione [settings]
  • "gst_pipeline = alsasink" nella sezione [player]

martedì 23 febbraio 2010

telefonino predisposto per emergenze

Gli operatori delle ambulanze hanno segnalato che molto spesso, in
occasione di incidenti stradali, i feriti hanno con loro un telefono
portatile, ma gli operatori non sanno chi contattare tra la lista
interminabile dei numeri salvati nella rubrica.

Gli operatori delle ambulanze hanno lanciato l'idea che ciascuno
metta, nella lista dei suoi contatti, la persona da contattare in caso
d'urgenza sotto uno pseudonimo predefinito.
Lo pseudonimo internazionale conosciuto è ICE ( In Case of Emergency
).

E' sotto questo nome che bisognerebbe segnare il numero della persona
che operatori delle ambulanze, polizia, pompieri o primi soccorritori
potrebbero contattare.

In caso vi fossero più persone da contattare si può utilizzare la
definizione ICE1, ICE2, ICE3, etc....
Facile da fare, non costa niente e può essere molto utile.
E' una buona idea ed è anche promossa dalle autorità preposte al
soccorso.
Fate circolare la notizia in modo che questo comportamento diventi
un'abitudine diffusa.

lunedì 22 febbraio 2010

convertire da e verso dispositivi mobili...

... in particolare cellulari. Molti dei quali salvano i clips vocali in formato AMR (un formato ultracompresso, con eccellente rapporto qualità/spazio).
Una soluzione è usare un programma Open Source come MMC (Mobile Media Converter), col quale potrete trasformare i cplis amr in mp3 o ogg, in modo rapido e sicuro.
[Image]

sabato 20 febbraio 2010

meta tags

Quale che si il tipo di media a cui volete aggiungere un tag, è di norma preferibile che il (meta)tag sia incorporato nel file multimediale.
In questo modo, se si dovesse reinstallare il programma con cui essi vengono letti, o trasferire i files da un PC all'altro, ad esempio, non si correrebbe il rischio di aver lavorato invano.
Amarok ad esempio lo fa, automaticamente, per i tags classici (nome artista, titolo, anno, genere ecc.), ma ovviamente non lo fa per voci come "score", o "rating" che vengono aggiunte a un suo database esterno ai files musicali così taggati.
Digikam lascia scegliere all'utente: occorre dirgli, nei Settings, che gli "image tags" siano trattati come "Keywords tags" e con ciò incorporati nel file immagine.

lunedì 15 febbraio 2010

Blogger bug

Non riuscivo ad aggiungere immagini al Blog: lo facevo da Firefox. Ho provato, su consiglio dell'Help di Blogger a usare Opera, ed è andata al primo colpo. Tutto perfetto...

venerdì 12 febbraio 2010

OpenOffice: crash on pdf export

Può succedere (fa arrabbiare non saper spiegare esattamente perché, ma è così).
Due le soluzioni, in Linux:
  • loggarsi come root e allora export as PDF funziona senza problemi
  • usare il comando print -> to file
Si tratta di ripieghi, daccordo, ma almeno provvisoriamente servono ;)

OpenOffice 3.2: le estensioni

Se avete problemi a installare una estensione potete provare (in Linux) a installarla loggandovi come amministratore (root).

strepitoso

La nuova versione di OpenOffice, la 3.2. permette con una estensione di connettersi a un database locale MySql non più solo via ODBC o via JDBC come finora, ma, udite udite, direttamente (come già faceva il molto meno accessoriato Knoda): con grande vantaggio per la velocità del programma e della pulizia del sistema.

giovedì 11 febbraio 2010

Opera 10.5

Dopo più di un mese di alfa, è uscita ieri la beta di Opera 10.5. Come prevedibile stabilizza e migliora la alfa e offre un supporto CSS3 interessante: box-shadow e border-radius sono supportati, e tra l'altro senza il fastidioso prefisso -moz, -webkit, e -o che tanto fa disperare ;) i webmaster...
Veloce lo è. Aspettiamo la versione stabile, ora.

amarok e database

Chiunque abbia Linux può apprezzare quanto bello sia Amarok, player musicale con incorporato un discreto database (con cui si possono editare i metatags e catalogare i brani in base ai vari "campi": autore, titolo, album, genere, anno ecc.).
Mi aveva interessato la possibilità di interfacciare il database di Amarok con Mysql.Ho scoperto però che per farlo, in alcune distribuzioni come PcLinuxOs, occorre "compilare" il programma partendo da sorgente. Il che è un po' lungo e laborioso. Inoltre mi è stato spiegato, su un forum, che per collezioni di brani non oltre gli 8000/10000 (!!!) non è una necessità usare un database "esterno" ad Amarok, visto che quello incoprporato funziona benissimo.
E così in effetti è.

venerdì 5 febbraio 2010

Social Network

Twitter: prima impressione


Non c'è paragone con Facebook (o MySpace): davvero miserello. Non so nemmeno se si possa chiamare un Social Network...

MySpace vs. Facebook


Facebook, pur lento a caricarsi, è meno invasivamente commerciale. Non sarà un caso se, a quanto ne so, è tuttora il S.N. più diffuso (proprio oggi fa 6 anni).

mercoledì 3 febbraio 2010

un problema con OpenOffice

1) problema

Mi è capitato che OpenOffice, installato in local, in /opt dunque, così da condividerlo tra diverse versioni di pclos, non partiva se non da root. In effetti non si poteva creare una cartella coi suoi settaggi nella Home degli utenti.

2) soluzione

Verificare che non coesista, benché "nascosta" una versione anteriore di OpenOffice, nel qual caso disinstallarla; disinstallare pure lo script "GetOpenOffice".


A quel punto si dovrebber riuscire (io sono riuscito) a

a) creare (nel mio caso copiandola da altra partizione) la cartella dei settaggi ".openoffice.org" nella home dell'utente;

b) di conseguenza far partire OpenOffice anche come utente.

domenica 31 gennaio 2010

generare svg diagrammi on-line

Fantastico! Si puo': e pure gratis!
svg charts.net

venerdì 29 gennaio 2010

testare il proprio sito

Chi è webmaster lo sa: un sito appare in un modo su un certo sistema operativo, in un altro su un altro; in un certo modo con uno schermo a una data roisoluzione, in un altro modo con un'altra risoluzione; e più ancora, le differenze sono anche notevoli tra browser e browser. Ora ancora di più con css3...
Esiste un sito Browsershots che può aiutare i webmaster, visualizzando, nel giro di pochi minuti, come viene visto un certo indirizzo web dai diversi browsers nelle diverse condizioni in cui possono operare.
Ottimo. E gratuito. Il limite è che quello che si visualizza è una solo immagine statica, nemmeno ad eccellente risoluzione. Questo almeno se si accede gratis...

Lampp: attenti al nuovo

Nell'ultima versione di Lampp (vedi apache-friends) ci sono due scogli da superare, lavorando sul file php.ini
1) un problema di avvisi (fastidiosi) sulla mancata definizione di variabili
(lo si risvolve aggiungendo una stringa nel file php.ini:
alla riga error_reporting = E_ALL | E_STRICT
si aggiunga "& ~E_NOTICE", così che risulti
error_reporting = E_ALL | E_STRICT & ~E_NOTICE

2) altro errore interfacciandosi con Mysql, dà diversi errori di PDO. Si risolve aggiungendo alla stringa "pdo_mysql.default_socket="
il luogo dove si trova il socket, nel caso di lampp "/opt/lampp/var/mysql/mysql.sock". Così ne risulta la riga:
"pdo_mysql.default_socket=/opt/lampp/var/mysql/mysql.sock"

Indispensabili i forum su web. Assente la documentazione del produttore :(

un disastro che serve

Proprio in un momento di malattia, nei ritagli in cui mi alzavo dal letto, è successo un disastro: la partition table di un intero HD, su cui stavano tutti i miei dati, è partita. E addio ai contenuti.
Per fortuna che sono così previdente da fare soesso dei backup, e il danno alla fin fine è davvero contenuto.
Però è notevole il fastidio di dover prima cercare una soluzione di rescue (e cerca su Google rescue part. table, repair, restore e simili: niente di valido), poi di arrendersi a riformattare tutto.

Ma a che cosa serve un disastro? E' un richiamo con cui il Mistero che fa tutte le cose mi ha detto: "guarda che il computer non è così prezioso, né così perfetto. La vita reale, la carne e il sangue della vita sono oltre. E comunque Io sono il Signore, non farti del computer un idolo"

giovedì 28 gennaio 2010

KDE 4: la fiera delle vanità?

La prima impressione è: non mi impressiona!
I tanti effetti speciali difettano infatti di una proprietà che io considero essenziale, l'utilità: non sono utili. A che cosa mi serve infatti l'effetto trasparenza? Solo a far rallentare la risposta della macchina.
Magari esaminando meglio potrò scoprire dei pregi seri, ma il primo impatto è che si sia ceduto alla linea Microsoft sul suo terreno, oltretutto prendendone solo difetti.

mercoledì 27 gennaio 2010

Lyx (word processor)

Sara' anche un buon word processor per chi e' abituato a usare LaTex, ma ha un difetto che io considero imperdonabile: non puo' ne' importare ne' esportare nei formati piu' comuni (non solo .doc, ma nemmeno .odt, .rtf, enormi difficolta' con .html).
Puo' andare bene solo a chi decida di usare il formato proprietario lyx.

martedì 26 gennaio 2010

Firefox

Meno male: stavolta gli aggiornamenti delle estensioni alla nuova versione sono arrivati rapidamente.
Non solo per questo, ma anche, ne viene fuori un bel browser: peccato per i tanti che non lo apprezzano...

venerdì 22 gennaio 2010

Firefox 3.6

Sarà perchè ho di recente scoperto Chrome (per Linux, of course), ma l'uscita di Firefox 3.6, pur nel suo eccellente, ed entusiasmante supporto per CSS3, non mi convince più di tanto. Anche perche' accompagnata, sul mio PC, da vari guai (le solite estensioni che risultanto per qualche mesetto incompatibili, casini vari di tra versione precedente e quella nuova, e via dicendo).
Mi colpisce poi negativamente la bruttezza e la scarsezza di temi: anche l'occhio vuole la sua parte.

martedì 19 gennaio 2010

Chrome: prime impressioni

Ottima impressione: la velocità è notevole (sia in caricamento sia in navigazione). Ottimo il supporto agli standard W3C, in particolare ai css3.
Un po' scheletrica l'interfaccia grafica, ma non si pu? avere tutto.

venerdì 1 gennaio 2010

l'ora del CSS3

Era ora: dopo anni sonnecchiosi i principali browsers stanno muovendosi: verso il CSS3. Così Opera e Firefox stanno rincorrendosi nella implementazione di proprietà CSS3 (box-shadow, gradients e molto altro). E la stessa Microsoft ha annunciato che IE9 avrà (pieno?) supporto CSS3.
Era ora!